domenica 3 novembre 2013

Il Gomasio, un aiuto all'ipertensione.

E si, ora vi parlo del gomasio giapponese. Goma significa sesamo e shio significa sale. Con questi due ingredienti possiamo creare in pochi minuti un condimento eccellente utile per diminuire il sale in cucina.
I semi di sesamo sono particolarmente ricchi di calcio, acido linoleico, fosforo, vitamine B, E, D. Per queste ragioni è un ottimo ricostituente utile per le piastrine del sangue, la milza, il sistema nervoso, la pelle, i muscoli.
Questo condimento ve lo consiglio vivamente dato che da un sapore particolare a tutte le vostre creazioni.
Ora vediamo come si prepara:

Ingredienti:

Semi di sesamo
Sale marino integrale

Preparazione:

La prima cosa da fare è lavare ed asciugare i semi di sesamo.
Le proporzioni tra sale e semi di sesamo, sono variabili a seconda del vostro gusto. La ricetta originale giapponese che mi ha passato personalmente il Samurai ultracentenario BiKKio Hao Lingio, sulla vetta del monte HaikuShao, prima di suicidarsi con la Katana (in questo caso non era la famosa spada ma la Suzuki del figlio) giù per il burrone, parlava del sacro rapporto uno a sette e cioè una parte di sale e sette di sesamo.

Gomasio


Uniamo i semi al sale, mescoliamo bene, e li mettiamo in una teglia da forno sopra la carta da forno. Siccome queste ultime due cose sono da forno, direi di metterle nel forno a cento gradi per un quarto di ora legale. 
Dovremo fare attenzione a non fare fumare il sesamo altrimenti sprigionerà il sesamolo che è un filino tossico. In buona sostanza una leggera tostatura.
Fatto questo dobbiamo versare il prodotto in un contenitore. Qui siamo di fronte ad un bivio esistenziale (un po come le mappe esistenziali sulle porte delle camere d'albergo: TU SEI QUI): Usare il minipeemer (la svolta del secolo dopo le forbicette per le unghie e Youporn) o usare mortaio di marmo di Carrara (Suribachi) con pestello di legno d'acero (Surikogi) scolpito da dodici monaci durante la luna piena? Direi la prima però, come la mia ricetta per il
il risultato cambia in meglio se lo facciamo a mano.
Una volta sminuzzato in maniera grossolana, trasferiamo il gomasio in un barattolo di vetro e lo potremo conservare a lungo ed usare già da subito su qualsiasi pietanza che necessiti il sale.

Varianti:

Al posto del sale marino integrale uso il sale rosa dell'Himalaya. Questo sale è il più completo al mondo e contiene 84 oligoelementi oltre al normale cloruro di sodio.

Sale rosa dell'Himalaya
 



2 commenti:

  1. Può andar bene il sale nero di Cipro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purché lanciato da due metri alle nostre spalle nel mortaio.

      Elimina